Miglionico Calcio: una luce sullo sport a Miglionico MT

   

P

a

r

t

i

t

a

d

e

l

 

M

I

G

L

I

O

N

I

C

O

 

C

A

L

C

I

O

LA PARTITA del MIGLIONICO CALCIO 2009/2010

4^ gg 04.10.09            ACeSport
LAGOPESOLE-MIGLIONICO 0-1

vedi > RISULTATI   4°gg

La squadra del LAGOPESOLE della passata stagione

  Una squadra del MIGLIONICO CALCIO di Promozione Lucana 2009/2010  IL PROTAGONISTA di GIORNATA autore del GOL vittoria
0 1

Vedi le Cronache e Tabellini della 4° Giornata da "Il Quotidiano della Basilicata" del 05.10.09 clikkando  >>

Rassegna STAMPA della GIORNATA tratta dal QUOTIDIANO della BASILICATA

LAGOPESOLE: Mariano, Pace, Colangelo D., Coviello T., Telesca; Lorusso (15' s.t. Zaccagnino), Mecca D. (39' s.t. Romaniello), Colangelo N., Mecca A. (19' s.t. Strammiello); Coviello C., Sabato. Non entrati Canestrino, Lovallo, Sabia, Lucia. All. Alfano 

MIGLIONICO: Deceglie V., Lamacchia, Gallitelli, Menzella, Acito; Venezia (35' s.t. Battilomo), Deceglie G., Cappiello (25' s.t. Scandiffio); Tataranni, Lambertini, Andrulli (46' s.t. Salluce). Non entrati Prisco, Fattore, D’Aria, Grande. All. Paterino,

ARBITRO: Albano di Potenza (Autieri e Lattanzio)
RETI:  5’st Lambertini.
NOTE:
pomeriggio soleggiato dalla temperatura gradevole, terreno di gioco in buone condizioni. Ammoniti Coviello T. e Mecca D. (L). Calci d'angolo 5-2 per il Lagopesole

=>  Basta l’acuto di Lambertini. Nulla da fare per il volenteroso Lagopesole che non riesce a colmare il gap.Il Miglionico resta a punteggio pieno in attesa del recupero.

AVIGLIANO - Tecnica, solidità, esperienza. Il trittico vincente che lancia il Miglionico. Passa sul campo del Lagopesole, resta a punteggio pieno in attesa di recuperare la gara con il Montescaglioso, si candida a buon diritto come una delle sicure protagoniste del campionato. Successo franco, anche inferiore, nel punteggio, alla differenza di valori mostrata dal campo. E non certo perché il Lagopesole non abbia fatto la sua parte fino in fondo. Anzi, la squadra di Alfano ha giocato la sua partita, ha provato a ribattere colpo su colpo alla discrepanza tecnica e di esperienza, e nel finale ha anche provato a serrare i tempi per cercare di raggiungere il pareggio. Ma la diversità di valori, e la fin troppo giovane età della squadra, sono elementi che, sul lungo periodo, si rivelano fatalmente determinanti. Ed è proprio sul lungo periodo che il Miglionico riesce a trovare quel bandolo della matassa che nel primo tempo era sembrato sfuggirgli. Un po' per la troppa imprecisione del suo trio offensivo. Molto per le decisioni di una terna arbitrale che, con tanta benevolenza, si può definire poco convincente, e che almeno in un paio di occasioni ha penalizzato gli arancioni del Miglionico Calcio, negando un rigore a Lambertini apparso evidente, poi annullando a Tataranni il gol segnato ribattendo in porta la respinta di Mariano sulla conclusione a botta sicura di Lambertini, per un fuorigioco che dalla tribuna proprio non si è visto. Poi, in apertura di ripresa, dopo il mezzo miracolo di Mariano sulla conclusione a botta sicura di Giuseppe Deceglie dal limite dell'area piccola, è arrivato il colpo di testa ancora di Lambertini, lasciato bello solo in mazzo all'area federiciana, a deviare in gol la palla messa in mezza da Andrulli dalla tre quarti destra. E il Miglionico ha trovato quel gol che inseguiva fin dall'avvio, dal diagonale di Lanmbertini che con la punta delle dita Mariano aveva messo in corner, o da quello di Andrulli uscito di un soffio, che nei primi 5 minuti avevano già chiarito il motivo del match. Ovvero: Miglionico a fare la partita, cercando di innescare un terzetto d'attacco mobile, pericoloso, ma a volte un po' troppo lezioso; Lagopesole a difendere, provando a non far avvicinare troppo gli uomini di Paterino alla propria area, presidiata da una difesa rabberciata, che ha lasciato spesso spazi troppo larghi alle punte avversarie. Lagopesole che ha provato anche a farsi vedere in avanti, a cavallo della mezz'ora bella la mezza girata di Angelo Mecca finita a lato, e bravo Deceglie sul tiro dal limite di Nicola Colangelo. E poi, nel finale, ha cercato di reagire ad un copione già scritto, l'occasione buona sul piede di Sabato, dal limite palla fuori. Ma anche dopo il gol, le migliori opportunità sono state degli ospiti: la punizione dal limite di Tataranni respinta da Mariano; il pallonetto di Lambertini, dopo una sgroppata di 80 metri di Lamacchia, finito alto. Resta al Lagopesole l'onore delle armi, per una gara giocata senza paure. La vittoria, quella va al Miglionico, ed è giusto così. Giancarlo Tedeschi dal Quotidiano della Basilicata del 5.10.2009

 

Un bravo a Giancarlo Tedeschi per il commento NON FAZIOSO e da "vero" cronista ! Complimenti by ACe.

 

=>Commento della settimana &Prossima Giornata =>

Le 3 punte portano altri 3 punti. Miglionico sale a 9 punti in 3 partite e viaggia col vento in poppa.

Miglionico. Tre punti con tre punte. I tre punti sono quelli che si aggiungono in classifica e che portano il Miglionico a toccare 9 punti e un secondo posto, ad una sola lunghezza dalla capolista ma con una partita casalinga da recuperare. Le tre punte, andate tutte a segno in queste tre giornate, sono quelle composte dal trio ALT, Andrulli-Lambertini-Tataranni. Anche sul campo di Avigliano hanno macinato gioco e creato scompiglio nella difesa castellana creando una quantità industriale di azioni da gol non concretizzate in rete per un nonnulla. “Anche contro il Lagopesole –precisa Pizzolla si è visto un Miglionico a trazione anteriore sin dai primi minuti di gioco. Alle tre punte si è aggiunto anche Gallitelli e il rientrante Venezia che hanno mantenuto alto il centrocampo. Tante le azioni mancate per un soffio. La vittoria per 1 sola rete a zero sembra un risultato saltato fuori per combinazione ma così non è stato. Il Miglionico ha dominato. La partita si poteva chiudere prima e con un risultato ben più rotondo. Diverse le occasioni limpide presentatesi sui piedi di Lambertini e Andrulli con i difensori locali ed il loro portiere che riuscivano ad esaltarsi e salvarsi dalla capitolazione.

 

Capitolazione che c’è stata, e liberatoria per noi del Miglionico che iniziavamo a credere nella malasorte. Nei primi minuti della ripresa il colpo di testa di Lambertini, su assist di Andrulli, non ha dato scampo all’estremo difensore castellano. La palla si è insaccata nel sette imprendibile.” Ed è Perrone che aggiunge: nel primo tempo ci poteva stare anche un rigore per noi sempre su Lambertini che ha vissuto costantemente in area del Lagopesole arricchendo i block-notes dei cronisti. Un Miglionico bum-bum non c’è che dire. Un po’ di sofferenza l’ha dato solo per il risultato che non si sbloccava nonostante il lavorio dei nostri per fornire palloni in avanti. C’e’ da perfezionare qualche ingranaggio anche se c’è da dire che ho visto un po’ di difficoltà ad adattarsi al campo in sintetico.” E Pizzolla precisa: Quando si giocherà a Miglionico, speriamo a breve, sul campo in erba naturale vedremo sicuramente un Miglionico rodato e ingranato. Una squadra che comunque sta regalando belle soddisfazioni con questo ottimo avvio.La squadra di mister Paterino in 3 partite ha conquistato 3 vittorie di cui 2 in trasferta. 6 gol fatti e zero subiti sono garanzia di un futuro roseo che lascia ampio margine di miglioramento. Antonio Centonze dal Quotidiano della Basilicata del 07.10.09

 

 

www.MiglionicoCalcio.it